Novità in libreria: Manuale di Design Thinking

By | Blog | No Comments

Cos’è il Design Thinking? Come funziona? E perché è importante?

Il World Economic Forum, nel Report dedicato al futuro del lavoro 2018, afferma che nel 2022 non meno del 54% dei dipendenti avranno bisogno di integrare, aggiungere, modificare competenze per poter continuare a creare valore. Ma il trend non lascerà immuni anche gli altri lavoratori: “ridisegnarsi” sarà un’esigenza comune, in linea con i cambiamenti socio-economici già in atto. Per questo e altri motivi il Design Thinking è ora  sulla bocca di tutti. Quindi comincia ad essere urgente interessarsi ad approfondire di cosa si tratta. Read More

Come organizzare riunioni che funzionano

By | Non categorizzato | No Comments

L’esigenza di allinearsi e condividere progetti e strategie accomuna indistintamente tutte le imprese. Riguarda i manager delle grandi aziende, che spesso hanno bisogno di diffondere un mindset unico fra i team e che devono lottare per guadagnarsi il tempo e l’attenzione di coloro che desiderano coinvolgere. Ma riguarda anche gli imprenditori delle PMI, che vorrebbero dipendenti e manager più attivi, partecipativi e organizzati.

Che ci sia bisogno di creare accordo sulla vision aziendale, di far comunicare reparti e team che operano in modo disomogeneo oppure di far contribuire tutti al raggiungimento degli obiettivi comuni, la soluzione a cui si pensa è sempre la stessa: indire una riunione.

Tutti però sappiamo che le riunioni, anche quelle nate con le migliori intenzioni, si possono trasformare in grosse perdite di tempo. Chi non ha mai partecipato a riunioni interminabili dove tutti dicono la loro ma nessuno decide? O, al contrario, dove nessuno parla tranne il management che poi impone le sue decisioni? Oppure ancora dove le persone si distraggono, non partecipano o peggio ancora fanno ostruzionismo?

Read More

Consigli di lettura per l’estate: è uscita l’edizione italiana di “Riunioni visuali”

By | Blog | No Comments

Anche quest’anno vogliamo proporre, come avevamo già fatto l’anno scorso, i nostri consigli sui libri di Business Design da portare in vacanza quest’estate. Stavolta ci limiteremo a un solo libro, che però ha per noi un valore particolare.

Qualche giorno fa LSWR Edizioni ha pubblicato Riunioni Visuali – Come i disegni, i foglietti adesivi e la mappatura delle idee possono trasformare la produttività di un gruppo. Si tratta della traduzione del best seller internazionale “Visual Meetings” di David Sibbet, caposaldo e punto di riferimento per chiunque voglia imparare a organizzare riunioni più rapide e produttive grazie all’utilizzo appropriato di strumenti visuali.

Si tratta come abbiamo detto di un libro molto importante per noi di Beople e per questo abbiamo deciso di curarne l’edizione italiana.

Ci si potrebbe chiedere come mai una società come Beople, che si occupa di innovazione dei modelli di business, abbia deciso di curare un libro sulle riunioni e gli strumenti visuali. Lo abbiamo fatto per due motivi. Read More

Testare la cosa giusta: come ridurre i margini d’incertezza sugli investimenti

By | Blog | No Comments

Per comprendere il nuovo approccio ai dati e ai test che il Business Design promuove dobbiamo partire dallo stravolgimento di un punto di vista molto diffuso: un prodotto non ha successo perché vende, ma vende perché ha successo.

Incontriamo tanti imprenditori, nelle aule in cui facciamo formazione o direttamente in azienda e tanti, che lavorano sia nei mercati B2C che nei mercati B2B, ci presentano lo stesso problema: “Io conosco i miei clienti, analizzo i dati delle vendite e cerco di soddisfare le loro esigenze, in termini di qualità certo ma anche in fatto di prezzo: perché allora il mio prodotto non vende quanto dovrebbe? Read More

L’analisi dei bisogni: l’importanza dei non clienti

By | Blog | 4 Comments

Oggi le teorie di business puntano tutta l’attenzione sul cliente. L’idea è quella di superare un modello di marketing arcaico, che si poneva l’obiettivo di vendere prodotti, per approdare a una strategia più attuale, che ha come scopo risolvere problemi e soddisfare bisogni.

Ecco allora nascere una serie di concetti e di metodologie per supportare questo approccio. Customer Centricity e Customer Driven Innovation, ad esempio, sono le parole chiave di una nuova, più spiccata attenzione al mondo di bisogni e aspettative del cliente. Accanto a esse, per supportarle, si sono sviluppati poi interi impianti teorici, come quelli del Business Design.

L’impostazione è quella giusta, non c’è alcun dubbio: è ai clienti che bisogna guardare per realizzare (e aggiornare) proposte di valore sempre in linea con le richieste del mercato. E tuttavia l’approccio non è completo. Chi vuole veramente far crescere il proprio business infatti non può limitarsi ad analizzare e ascoltare i clienti: deve invece concentrarsi anche sull’analisi di tutte quelle persone che non acquistano i loro prodotti, ovvero i non clienti. Read More

Mettere il cliente al centro della strategia di vendita con il Customer Experience Canvas

By | Blog | 2 Comments

Toys ‘R Us e Trony sono solo gli ultimi in ordine di tempo citati riguardo a crisi e fallimenti che hanno coinvolto player più o meno importanti nel settore del commercio. Non è una novità: la vendita al dettaglio sta attraversando ormai da anni grandi cambiamenti.

Tanti negozi sono in crisi, molti hanno chiuso. E il problema, come abbiamo visto, non riguarda solo i piccoli commercianti: anche le grandi catene vanno facilmente in sofferenza. Nel frattempo, la vendita online di prodotti un tempo commercializzati solo attraverso i canali tradizionali continua ad aumentare vertiginosamente.

Quali sono le cause di questa situazione? Read More

Innovare come una startup con il Lean Canvas

By | Blog | No Comments
Oggi le aziende stanno diventando sempre più coscienti della necessità di innovare oltre i confini tradizionali: settore merceologico, modello di business dominante, bisogni consolidati dei consumatori. Tutti questi aspetti stanno subendo cambiamenti sempre più importanti anche a motivo di processi di digitalizzazione e di nuove tecnologie dirompenti, che rendono possibile l’aggressione dei mercati da parte di nuovi attori. Così le TELCO si trovano a competere con sistemi VOIP più economici e prestanti, le strutture sportive con gli smartwatch che permettono allenamenti autogestiti, persino le ferrovie hanno trovato dei competitor nelle piattaforme di car sharing.

Come abbiamo scritto in uno dei nostri ultimi articoli, in questo contesto per le aziende è sempre più importante imparare a ragionare come una startup. Ma cosa significa ragionare come una startup? Read More

Perché è necessario testare le assunzioni di un progetto

By | Blog | No Comments

Fino a poco tempo fa la maggior parte delle aziende ci chiamava per essere aiutata nel trovare idee innovative: sembrava che tutti fossero alla ricerca di novità, di qualcosa che scuotesse dalle prassi consolidate intere aree aziendali.

Oggi questo genere di richiesta sta diminuendo, a favore di un’altro tipo di necessità più pragmatica: le aziende non ci chiedono più aiuto per trovare nuove idee, ma per realizzare quelle che già hanno.

Cosa è cambiato? Read More

3 ingredienti per mettere l’innovazione al centro dell’azienda

By | Blog | No Comments

C’è differenza tra invenzione e innovazione. 

L’invenzione è un singolo atto, un’intuizione che può essere la base per creare un nuovo prodotto. L’innovazione invece è un processo strutturato che agisce in modo profondo sulla realtà aziendale.

Innovare per un’azienda significa prima di tutto creare nuove proposte di valore per i clienti. Sono i clienti infatti a dover percepire che l’innovazione rappresenta una soluzione a un bisogno o la soddisfazione di un desiderio. Senza questo, che si traduce poi nella pratica nell’acquisto di un prodotto e nella scelta di un brand, ogni innovazione rimane un’invenzione. Read More